Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2008-10-25 – Texas, Usa: Mega Paleo-parco tematico in progettazione (EarthQuest, dinosaur-themed project)

Pronto progetto per un nuovo grande parco tematico dedicato ai Dinosauri a Houston, nel Texas.

Prevista costruzione a cavallo della statale 59, con l’area ad est dedicata allo studio e all’esposizione dei reperti, e quella ad ovest invece all’intrattenimento dei visitatori.

————————————————————————————-

What is EarthQuest?: Unearthing the massive dinosaur-themed project

Kingwood Observer

By MATTHEW HUISMAN
Updated: 10.22.08

To describe the new EarthQuest development planned for U.S. Highway 59 as solely an amusement park or a dinosaur museum would be wrong.
“All the details are designed to show how people can live without destroying the environment,” Lessem said. “Would this be done by Disney, this would be driven by commerce. Our brand is nature and we want to celebrate the beauty of the environment.”
Lessem reiterated that the project is not a replacement for Houston’s old Six Flags AstroWorld that closed its doors in 2005, but a completely new entertainment experience.
Also planned for EarthQuest’s western development are three hotel sites, a zoo, ropes course, retail entertainment zone and treehouse lodging. The retail and entertainment zone is said to be similar to the Universal Studios City Walk in Los Angeles with retail shopping, dining and live music.
To the east of U.S. 59 is a residential community that will have about 1,500 single family homes, according to the developer John Marlin of Marlin-Atlantis, the company that owns the 1,600 acres for the proposed site. The homes and the institute will work hand-in-hand by allowing researchers and scientists to implement green technology directly into the homes. This will give researchers a testing ground in their own back yard to see if new implementations are effective. According to an interview with Marlin, he said the home sites will be a 15- to 20-year project.

The idea for this monstrous dinosaur project was the original conception of Lessem. Lessem said he had been working on the project five to six years before the East Montgomery County Improvement District came into the picture. He began the search for a location to build his facility, eventually deciding on East Montgomery County.

The New Caney area beat out 74 communities from 19 states, according to Frank McCrady, EMCID president and CEO. The original idea was a 50-acre site for the museum and institute. The project snowballed from there after EMCID hired Baker-Leisure, a consulting and management company for theme parks out of Orlando, to conduct a demographics study of the Houston area.

“Our conclusion was that Houston is a very strong market,” said Doug Rutledge, vice president of business development at Baker-Leisure. “Houston is one of the last major metropolitan statistical areas that lacks a major theme park or an amusement park.”

Rutledge concluded that Houston was a “strong destination” that would set it apart from other markets.

Following Rudledge’s study, McCrady said all signs pointed to a combined museum institute and entertainment destination. That was October 2007.

“The biggest transition we made was going from a museum to a full-blown destination resort,” McCrady said. “It’s continuing to build; it gets bigger every day.”

The project, though, might not have even gotten off the ground had the New Caney Fire Department decided to increase the sales tax from the current half a penny to one cent. The EMCID board feared the increase in sales tax might drive away the developers of EarthQuest and ultimately the whole project. To compensate the fire department, EMCID issued New Caney FD a unique loan.

“They offered to provide us with $1.5 million for the next five years,” said New Caney FD Chief Jeff Taylor. “We would not have to pay it back until the tenth year.”

According to the guidelines, the fire department is required to pay EMCID back the interest-free loan assuming there is substantial growth in the area. Assuming the dinosaur park goes through, there should be enough revenue generated to repay the loan. If there is not growth, then the department does not have to repay the loan.

“It’s a win-win for the residents,” Taylor said. “One way or the other, the residents benefit from EMS and fire.”

McCrady said a meeting tentatively scheduled for Nov. 13 at the EMCID Complex in New Caney will bring EarthQuest’s details into even more perspective when Lessem and others will show off their designs.

EMCID has also set a target date of Dec. 12 to attain $7 million in bonds for the development of the western portion of the project.

The EMCID board is loaning Marlin-Atlantis the $7 million for pre-development costs of the construction, according to McCrady. The expenses include fees for accounting, engineering, design and master planning.

The EMCID board will be repaid half of the bond once Marlin takes out the construction loan. McCrady said the construction loan is expected to close summer to fall 2009. The remaining $3.5 million will be paid five years after the construction loan closes in 2014.

The EarthQuest Institute, which was originally going to be helped by $50 million from EMCID, is going to run and be financed as a nonprofit entity. The fundraising needed for the institute has yet to get underway, according to Michael Dimengo, the president of Sage Fundraising Solutions LLC. The firm, based out of Jacksonville, Fla., is in charge of raising the $80 to $100 million needed for the project.

“This is a huge green initiative with a study of the earth and its past,” Dimengo said. “We are just in the preliminary stages of the fundraising.”

Sage is in the process of identifying people for an advisory board to oversee the fundraising.

Lessem and his design team of more than 100 people are deep in the development phase for the institute. Lessem said they are in “a second phase of design to be finished in a month’s time.” Lessem hopes to have a website for the EarthQuest Institute up and running soon.

The Marlin-Atlantis team is finalizing their plans as well with regards to the for-profit part of EarthQuest.

“We’ve never done a project like this,” Marlin said. “Things are going very well and we are on schedule.”

source: http://www.hcnonline.com/articles/2008/10/22/kingwood_observer/news/43kodinosaur.txt

 (click the link to see the map)

 

 

ottobre 25, 2008 Posted by | - R. Dinosauri, America Northern, Italiano (riassunto), Paleontology / Paleontologia, Parchi tematici | , , , , , , , , , | Lascia un commento

2008-10-25 – Mantova: Reperti preistorici a Campestrin

 Reperti preistorici a Campestrin

Forse un nuovo e cruciale sito archeologico nelle campagne di Grignano. Ritrovati frammenti di pavimento e pareti e un deposto tra le corna di cervo

Reperti preistorici a Campestrin - Mantova

Rovigo, 23 ottobre 2008 – LA LOCALITÀ si chiama Campestrin ed è poco lontana dal cimitero di Grignano, ma tutto si riduce a un campetto che abitualmente viene coltivato a frumento ed è in attesa di essere dissodato. Qui, appena, sotto i primi duri strati di argilla, la sorpresa, vale a dire le tracce, ancora in via di definizione, di un abitato che si può datare tra la fine dell’età del Bronzo recente e del Bronzo finale (XIII-XII sec. a. C.), come sono in molta parte i reperti scoperti in Polesine, da Canar a Frattesina. Una grande scoperta archeologica? E’ ancora presto per dirlo, ma molti indizi lo lasciano presupporre. Tutto era cominciato con una campagna scavi che avrebbe dovuto concentrarsi dalle parti di S. Martino di Venezze e che invece è stata costretta a spostare il suo obiettivo altrove, per via di un campo di insalata che non poteva diventare il teatro di sondaggi esplorativi. Ecco, allora, una segnalazione (una delle tante) nelle campagne di Grignano da parte di un gruppo archeologico di Fratta, che qualcosa aveva trovato. Ecco, ancora, la zona di Campestrin, che geomorfologicamente si situa lungo l’antico ramo del fiume, meglio noto come Po di Adria.

Il primo sondaggio e gli scavi di assaggio condotti dall’archeologo della Sap di Mantova Michele de Micheli, ha dato, dunque, risultati tanto imprevisti quanto entusiasmanti. Di fatto dei frammenti di pavimento o di parete, ceneri di materiali bruciati altrove (tanto da indurre il sospetto che possa trattarsi di una antichissima fossa per la discarica), e ancora e soprattutto un vaso deposto intenzionalmente tra due corna lavorate di un cervo che doveva essere di notevoli proporzioni. Insomma, ce n’è e ne avanza) da decidere che gli scavi debbano necessariamente proseguire, anche se ora bisogna trovare dei fondi per tradurre in pratica ogni intendimento (saranno necessari oltre diecimila euro, come minimo e non è poi molto). Tanto più che i fratelli Previatello proprietari del terreno hanno dimostrato la massima disponibilità.

Lo scavo, che oltre all’archeologo De Micheli, ha visto la partecipazione di due studentesse (Letizia Bellesia e Fabiola Mischiatti) e la collaborazione del personale del Museo dei Grandi Fiumi, ha potuto giovarsi della supervisione scientifica di un grande esperto come Luigi salzani della Soprintendenza archeologica. Nel corso della presentazione alla stampa di questi primi e notevoli risultati, l’assessore alla cultura Frigato si è impegnato a portare in Regione la richiesta di un intervento e di un finanziamento per proseguire la campagna di scavo, ma anche a stabilire un rapporto più stretto con l’università rodigina, magari insistendo perché si apra una nuova facoltà dedicata, appunto, all’archeologia.

di SERGIO GARBATO

fonte: http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/rovigo/2008/10/23/127570-reperti_preistorici_campestrin.shtml

ottobre 25, 2008 Posted by | - Italia, Archeology / Archeologia, Lang. - Italiano | , , , , , , | Lascia un commento

2008-10-25 – Valle d’Aosta: Registro per raccoglitori di fossili

15:39 AMBIENTE: VDA; ISTITUITO REGISTRO I RACCOGLITORI DI FOSSILI
  (ANSA) – AOSTA, 24 OTT – In attuazione della legge regionale, la Giunta ha adottato oggi un provvedimento che istituisce il registro regionale della Valle d’Aosta dei ricercatori e dei raccoglitori di fossili e minerali. Ne ha dato notizia l’assessore all’Ambiente, Manuela Zublena, precisando che sono state anche delimitare le zone dove è possibile la raccolta.Nelle aree dove la ricerca e l’estrazione sono ammesse, i collezionisti possono usare solo attrezzature “non lesive per l’ambiente”, speciali martelli e mazze del peso massimo di tre chilogrammi, scalpelli di lunghezza non superiore a quaranta centimetri, piccozze e badili di lunghezza non superiore ad un metro e sessanta centimetri.Al registro regionale dei ricercatori e dei raccoglitorì, devono iscriversi tutti coloro che intendono svolgere attività di ricerca e raccolta di fossili e minerali da collezione in Valle d’Aosta. Il provvedimento mira alla conservazione del patrimonio naturalistico della Valle d’Aosta. (ANSA).

fonte: http://www.regione.vda.it/notizieansa/details_i.asp?id=55989

 

14:55 REGIONI: VDA; I PRINCIPALI PROVVEDIMENTI DELLA GIUNTA (2)
  (ANSA) – AOSTA, 24 OTT — SANITA’, SALUTE E POLITICHE SOCIALI
La Giunta ha autorizzato il Comune di Valtournenche all’ampliamento, con l’istituzione di ulteriori tre posti per asilo nido e tre garderie, di una struttura socio-educativa, sita nel medesimo Comune, (località Breuil-Cervinia), già autorizzata all’esercizio di asilo nido per quindici posti. E’ stata assegnata la sede farmaceutica del Comune di Arnad, vacante dal 1° marzo 2009, sulla base della graduatoria, al dottor Pasquale Bramato. La Giunta ha approvato l’invio al Consiglio regionale della proposta del disegno di legge regionale recante: ‘Modificazioni alla legge regionale 9 aprile 2003, n. 10 (Provvidenze economiche a favore di nefropatici cronici e trapiantati. Abrogazione delle leggi regionali 7 dicembre 1979, n. 70 e 15 luglio 1985, n. 43)’.- TERRITORIO E AMBIENTE
Sono state individuate le zone di divieto di raccolta dei fossili e minerali da collezione e sono state, inoltre, definite le prescrizioni generali per la ricerca e la raccolta nelle altre zone. E’ stato, inoltre, istituito il registro regionale dei ricercatori e dei raccoglitori di fossili e minerali da collezione e definiti i criteri e le modalità per la tenuta dello stesso.- TURISMO, SPORT, COMMERCIO E TRASPORTI
Con un impegno di spesa di 48 mila 985 euro, è stata approvata la convenzione tra la Regione, il Comune di Aosta e la Svap società cooperativa, per la prosecuzione della sperimentazione, per un periodo di tre mesi, di un servizio di trasporto pubblico serale e notturno a chiamata. L’Esecutivo ha autorizzato la Finaosta Spa all’erogazione di un contributo in conto capitale di 237 mila 600 euro, al Comune di Valsavarenche finalizzato al completamento della riqualificazione del comprensorio sciistico della località.

 (ANSA).

fonte: http://www.regione.vda.it/notizieansa/details_i.asp?id=55986

ottobre 25, 2008 Posted by | - Italia, Collezionismo, Lang. - Italiano, Paleontology / Paleontologia | , , , , , , | Lascia un commento

2005-10-25 – Siena: Esposizione opere di Ambrogio Soldani, pioniere della micropaleontologia

Storie di scienza e di scienziati a Siena

Scavi dal patrimonio librario dell’Accademia dei Fisiocritici per ‘Piovono libri’ dal 22 al 31 ottobre per il secondo centenario della morte di Ambrogio Soldani | Dal 22 al 31 ottobre l’Accademia dei Fisiocritici espone al pubblico, nella mostra “Scavi dal patrimonio librario dell’Accademia dei Fisiocritici”, alcuni tesori della sua Biblioteca: volumi di argomento naturalistico in edizioni originali, italiane e straniere, stampate fra il Cinquecento e l’Ottocento. L’ingresso è libero con orario 9-13; 15-18 escluso giovedì pomeriggio, sabato e domenica. Al centro dell’esposizione, in occasione del secondo centenario della morte, le opere di Ambrogio Soldani, fisiocritico naturalista e pioniere della micropalentologia, la scienza che studia i piccoli fossili.
Proprio queste opere hanno ispirato l’iniziativa divulgativa “Storie di scienza e di scienziati” che si svolge il 22 ottobre alle ore 17 con il fisiocritico Duccio Balestracci che coordina una lettura recitata dall’attrice Paola Lambardi ad una lettura ragionata da tre studiosi di alcuni brani di Soldani. Luigi Folco del Museo Nazionale dell’Antartide di Siena, Viviana Castelli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Luca Maria Foresi del Dipartimento di Scienze della Terra dell’ateneo senese affronteranno i temi presenti nelle opere dello scienziato settecentesco: spaziando dalle interpretazioni della “pioggetta di sassi” caduta nel Senese nel 1794 al racconto del terribile terremoto che devastò Siena nel 1798 e all’utilità dei microscopici fossili marini si scoprirà l’attualità di tali studi scientifici.
Le iniziative rientrano nella campagna di comunicazione “Tipi da biblioteca” promossa dalla Regione Toscana nel mese di ottobre, in concomitanza con “Ottobre piovono libri. I luoghi della lettura”, annuale iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

fonte: http://www.valdelsa.net/det-cy22-it-EUR-22450-.htm

ottobre 25, 2008 Posted by | Lang. - Italiano, Mostre & Fiere, Paleontology / Paleontologia | , , , , , , , | Lascia un commento

   

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.