Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2008-11-20 – Germania: La più antica sepoltura multipla (oldest family tomb)

SCOPERTA LA PIU’ ANTICA TOMBA DI FAMIGLIA

2008-11-18 19:53

Sono stati vittime di una aggressionee chi li ha trovati li ha sepolti con molta cura: la mamma di fronte a un figlio e il papà di fronte all’altro rannicchiando i corpi e sistemandoli in modo che si guardassero l’un l’altro.

Sono i resti del più antico nucleo familiare mai scoperto finora. La famiglia, composta da una donna dall’età fra i 35 e i 50 anni, un uomo fra i 40 e 60, e due bambini di circa cinque e nove anni, è vissuta 4.600 anni fa, nei pressi del fiume Saal vicino ad Eulau, in Germania, insieme con altri nove individui sepolti nelle vicinanze.

A fare luce su età, parentela e luoghi dove sono cresciute queste persone è uno studio pubblicato sulla rivista dell’Accademia Americana delle Scienze, Pnas da un gruppo di ricerca coordinato dall’ Università tedesca Johannes Gutenberg- Mainz.

La ricerca ha ricostruito la tragedia dell’età della pietra con tecniche genetiche, isotopiche, antropologiche e archeologiche. I dati emersi evidenziano che tutti e 13 gli individui sepolti sono stati vittime di un’aggressione fatale perché mostrano segni di lesioni. In particolare, nella vertebra di una donna è stato trovato un proiettile di pietra e due adulti hanno il cranio fratturato.

Molte vittime, inoltre, hanno anche ferite da difesa alle ossa degli avambracci e delle mani. Secondo gli studiosi, queste persone avrebbero subito un raid da parte di un’altra comunità, e poi, sono state inumate con molta cura (insolita per il Neolitico) dagli individui superstiti dell’aggressione. Lo studio ha fatto anche luce su aspetti sociologici della comunità di appartenenza.

Misurando gli isotopi di stronzio presenti nel cibo intrappolato nei denti, gli scienziati hanno stabilito che le donne sepolte hanno vissuto l’infanzia in un luogo diverso da quello degli uomini e dei bambini.

“Questo dato – ha osservato uno degli autori, Alistair Pike, archeologo all’università di Bristol – è indice di esogamia, una regola per cui il coniuge deve essere scelto al di fuori del villaggio di appartenenza e di patrilocalità, un’usanza che impone ad una coppia di andare a vivere nei pressi della casa del padre del marito”. Tradizioni, conclude l’esperto, usate per evitare l’incrocio fra consanguinei e per intessere la rete di parentela con altre comunità.

fonte: ANSA

About these ads

novembre 20, 2008 - Posted by | - Italia, - Ominidi, - Primati, 1 Olocene, Archeology / Archeologia, Articolo sc. di riferimento, Lang. - Italiano, P - Paleoantropologia, Paleontology / Paleontologia, X - PNAS | , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: