Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2009-06-02 – Sebariu, Sardegna: Un nuovo paleo-museo

Serbariu: dinosauri e ragni

Apre i battenti il museo dei fossili

 di Sandro Mantega

 

Ha trecento milioni di anni, è il fossile di un ragno, probabilmente il più vecchio d’Italia. Ma sono ancora più vecchie le rocce della vetrina accanto: risalgono a un miliardo di anni fa, quando le terre emerse, a parte il Sulcis, erano davvero poche. A proposito di mare, questo arrivava fino a Perdaxius (un paese dell’interno del Sulcis), quando la roccia intrappolò le spugne di 530 milioni di anni. E c’è anche spazio alla spettacolarità: un calco del fossile di un Tirannosauro in grandezza naturale (otto metri) a dominare una delle grandi sale del capannone dove un tempo lavoravano gli operai della miniera. Sono i gioielli esposti nel museo “Paleoambienti sulcitani Martel”, nel complesso della Grande miniera di Serbariu, alla periferia di Carbonia. Un museo eccezionale nel quale figurano pezzi rari e preziosissimi dal punto di vista scientifico, come la raccolta di fossili che raccontano la storia della Terra a incominciare dal Cambriano (con la comparsa dei primi vertebrati), per finire con il Quarternario, nell’era Olocene, quella attuale. Il Museo paleontologico è stato realizzato sfruttando un capannone sapientemente restaurato dove si trovavano le forge della miniera di carbone attorno alla quale è nata la città. Ma la sua inaugurazione rappresenta qualcosa di più dell’apertura di un semplice, seppur unico, museo. E’, infatti, un altro importante tassello nella realizzazione di un progetto che soltanto qualche anno fa appariva utopico: recuperare e trasformare una vecchia miniera abbandonata in un luogo nel quale non solo tramandare le tradizioni, la cultura e la memoria di una popolazione e di un territorio ma anche portare avanti un discorso di sviluppo legato alla ricerca e a quanto di più moderno e attuale possa esistere. Ebbene la Grande miniera di Serbariu rappresenta la realizzazione di questa utopia. Ci sono i musei per tramadare la memoria e la cultura (il Centro Italiano del carbone con le gallerie artificiali, ora il museo paleontologico insieme alle altre testimonianze dell’archeologia mineraria), c’è la ricerca con il Centro della Sotacarbo dove si sperimenta la trasformazione del carbone in idrogeno, il polo di Sardegna ricerche, il centro universitario. C’è la cultura con e grandi sale attrezzate dove si celebrano simposi e congressi e si dibatte. C’è, soprattutto, la dimostrazione che anche una vecchia miniera può tornare a vivere proiettando una comunità verso il futuro.

fonte: unionesarda

giugno 2, 2009 - Posted by | - Italia, Europa, Lang. - Italiano, Musei, Paleontology / Paleontologia, Places | , ,

1 commento »

  1. Bello il Tyrannosauro… peccato che abbiano ricostruito in maniera molto scorretta il suo cinto pettorale…
    (Scusate la pignoleria).

    Commento di Andrea Cau | giugno 3, 2009


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: