Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2009-07-09 – Scoperti i più grandi denti di dinosauro (Spain, biggest dinosaurs teeth) UPDATED

IMPORTANTE – Leggete il commento
————————————————–
Scoperti i più grandi denti di dinosauro: misurano 9,83 cm

Misurano 9,83 centimetri di lunghezza  i più grandi denti di un dinosauro carnivoro mai scoperti. Sono  stati rinvenuti in Spagna, nella Arzobispo Formation, da un  gruppo di ricercatori della Teruel-Din¢polis Joint Palaeontology  Foundation e appartenevano a un dinosauro della famiglia degli  Allosauroidi, che comprendeva grandi esemplari che misuravano  fra i sei e i 15 metri.
I dinosauri, spiegano i ricercatori, durante la loro vita  perdevano i denti «da latte» e ne mettevano di nuovi: quello  descritto sulla rivista Estudios Geol¢gicos, sembra un dente  permanente e non da latte perchè non mostra alcun segno di  riassorbimento sulla superficie. Secondo i paleontologi, la  presenza di un grande dinosauro del gruppo Allosauroidea  completa le testimonianze fossili di dinosauri già scoperti  nella medesima formazione in Spagna. In passato, infatti, sono  emersi numerosi fossili (da denti a parti di arti) di dinosauri  vegetariani, come i sauropodi, gli stegosauridi e gli  ornitopodi.

Fonte: Gazzetta di Parma

luglio 9, 2009 Posted by | 1 | 2 commenti

2009-07-04 – Myanmar: nuovo Primate fossile (new fossil Primate)

New Fossil Primate Suggests Common Asian Ancestor, Challenges Primates Such As ‘Ida’

ScienceDaily (July 1, 2009) — According to new research published online in the Proceedings of the Royal Society B (Biological Sciences) on July 1, 2009, a new fossil primate from Myanmar (previously known as Burma) suggests that the common ancestor of humans, monkeys and apes evolved from primates in Asia, not Africa as many researchers believe.

The discovery of this new fossil primate from Myanmar (previously known as Burma) suggests that the common ancestor of humans, monkeys and apes evolved from primates in Asia, not Africa as many researchers believe. (Credit: Mark A. Klingler/Carnegie Museum of Natural History)

The discovery of this new fossil primate from Myanmar (previously known as Burma) suggests that the common ancestor of humans, monkeys and apes evolved from primates in Asia, not Africa as many researchers believe. (Credit: Mark A. Klingler/Carnegie Museum of Natural History)

A major focus of recent paleoanthropological research has been to establish the origin of anthropoid primates (monkeys, apes and humans) from earlier and more primitive primates known as prosimians (lemurs, tarsiers and their extinct relatives). Prior to recent discoveries in China, Thailand, and Myanmar, most scientists believed that anthropoids originated in Africa. Earlier this year, the discovery of the fossil primate skeleton known as “Ida” from the Messel oil shale pit in Germany led some scientists to suggest that anthropoid primates evolved from lemur-like ancestors known as adapiforms.

According to Dr. Chris Beard–– a paleontologist at Carnegie Museum of Natural History in Pittsburgh, Pennsylvania and a member of the international team of researchers behind the Myanmar anthropoid findings––the new primate, Ganlea megacanina, shows that early anthropoids originated in Asia rather than Africa. These early Asian anthropoids differed radically from adapiforms like Ida, indicating that Ida is more closely related to modern lemurs than it is to monkeys, apes and humans.

The 38-million-year-old Ganlea megacanina fossils, excavated at multiple sites in central Myanmar, belong to a new genus and species. The name of the new species refers to a small village, Ganle, near the original site where the fossils were found, and the greatly enlarged canine teeth that distinguish the animal from closely related primates. Heavy dental abrasion indicates that Ganlea megacanina used its enlarged canine teeth to pry open the hard exteriors of tough tropical fruits in order to extract the nutritious seeds contained inside.

“This unusual type of feeding adaptation has never been documented among prosimian primates, but is characteristic of modern South American saki monkeys that inhabit the Amazon Basin,” says Dr. Beard. “Ganlea shows that early Asian anthropoids had already assumed the modern ecological role of modern monkeys 38 million years ago.”

Ganlea and its closest relatives belong to an extinct family of Asian anthropoid primates known as the Amphipithecidae. Two other amphipithecids, Pondaungia and Myanmarpithecus, were previously discovered in Myanmar, while a third, named Siamopithecus, had been found in Thailand. A detailed analysis of their evolutionary relationships shows that amphipithecids are closely related to living anthropoids and that all of the Burmese amphipithecids evolved from a single common ancestor. Some scientists had previously argued that amphipithecids were not anthropoids at all, being more closely related to the lemur-like adapiforms.

The discovery of Ganlea strongly supports the idea that amphipithecids are anthropoids, because adapiforms never evolved the features that are necessary to become specialized seed predators. Indeed, all of the Burmese amphipithecids appear to have been specialized seed predators, filling the same ecological niche occupied by modern pitheciine monkeys in the Amazon Basin of South America. During the Eocene when Ganlea and other amphipithecids were living in Myanmar, they inhabited a tropical floodplain that was very similar to the environment of the modern Amazon Basin.

Fossils of Ganlea megacanina were first discovered in Myanmar in December 2005. The fieldwork is a long-term collaboration by scientists from several institutions in Myanmar; as well as the University of Poitiers and the University of Montpellier in France; Carnegie Museum of Natural History in Pittsburgh, PA; and the Department of Mineral Resources in Bangkok, Thailand. Funding was provided by the U.S. National Science Foundation and the Centre National de la Recherche Scientifique in France.


Adapted from materials provided by Carnegie Museum of Natural History.
Source: http://www.sciencedaily.com/releases/2009/06/090630202125.htm

luglio 4, 2009 Posted by | 1 | , , | Lascia un commento

2009-06-15 – Atlante dei geositi della Liguria (aggiornamento)

Atlante dei geositi della Liguria – clicca qui per leggere l`aggiornamento

giugno 15, 2009 Posted by | 1 | , | Lascia un commento

2009-05-04 – Dinosauri superstiti? (Dinosaurs Survived?)

Contininua lo scontro sui resti di dinosauri attribuiti al Paleocene …. ai prossimi giorni per eventuali commenti .. intanto leggetivi l’articolo pubblicato su Palaeontologia electronica

——————————————————–

“Lost World” of Dinosaurs Survived Mass Extinction?

Brian Handwerk
for National Geographic News
May 1, 2009

An isolated group of dinosaurs somehow survived the catastrophic event that wiped out most of their kind some 65.5 million years ago, a new study suggests.

Dinosaurs of this “lost world,” in a remote region of the U.S. West, may have outlived their doomed relatives by as much as half a million years, according to James Fassett, an emeritus scientist with the U.S. Geological Survey in Santa Fe, New Mexico.

Fassett, who has argued for years that some dinosaurs survived the mass extinction, based his latest work on fossils from the San Juan Basin in what is now Colorado and New Mexico.

There, the bones of hadrosaurs, tyrannosaurs, anklyosaurs, and several other species were found together in a sandstone formation that dates to the Paleocene epoch—the time period after the so-called Cretaceous-Tertiary (K-T) extinction event, which is thought to have killed off the dinosaurs.

As with his past research, Fassett’s latest find is likely to continue sparking controversy among paleontologists.

“Every few years someone claims to have [found] Paleocene ‘surviving’ dinosaurs,” said Hans-Dieter Sues, associate director for research and collections at the Smithsonian Institution’s National Museum of Natural History.

But so far, such fossils have eventually turned out to be older remains.

“Unequivocal Evidence”

In his new study, appearing in the April 2009 issue of the journal Palaeontologia Electronica, Fassett argues that a single hadrosaur fossil helps prove that the San Juan dinos really are from the Paleocene.

After previous “survivor” finds, it was determined that the dinosaurs in question, initially entombed in sand or mud, had their bones exposed again later by natural forces such as river erosion.

The bones were then redeposited in younger rock layers, making them appear to belong to an earlier era.

But paleontologists found a concentration of 34 bones from a single hadrosaur in the San Juan Basin sandstone.

“That’s unequivocal evidence I think,” Fassett said. River-washed bones would be widely scattered and also show signs of wear and tear—unlike the current fossils, some of which he describes as “pristine.”Working with colleagues at the USGS in Denver, Fassett also examined the concentrations of uranium and rare-earth metals in the fossil bones.

 “I thought if we could determine the trace-element compositions of the bones, we might discover that the [older] Cretaceous bones had a different chemical fingerprint than the [younger Paleocene] bones do,” he said, “and indeed that turned out to be the case.”

No Reason Why Not

It’s not known why some species, including crocodiles and birds, survived the K-T event while many others did not. The answer could be tied to what exactly caused the mass extinction.

The popular theory is that a killer asteroid struck the Yucatán Peninsula, although experts have argued for massive volcanism, disease, climate change, or some combination of factors.

(Related: “‘Dinosaur Killer’ Asteroid Only One Part of New Quadruple Whammy Theory.”)

Fassett, who supports the asteroid-strike theory, said he can’t explain why dinosaurs may have survived longer in some areas but not others.

“One guess is that the survivors lived in the northernmost parts of North America, at the greatest distance from the impact site, and then migrated south,” he said.

“But that doesn’t explain why [dinosaurs that lived later] haven’t been found elsewhere. We don’t have an answer for that.”

Despite his caution, the Smithsonian’s Sues said that the idea of Paleocene dinosaurs can’t yet be dismissed.

“There is no a priori reason that dinosaurs could not have survived in some places,” he wrote in an email to National Geographic News.

“Indeed, other than in the [U.S.] western interior and in Europe, we have as yet no concrete evidence when dinosaurs vanished.”

SOURCES AND RELATED WEB SITES

source: http://news.nationalgeographic.com/news/2009/05/090501-dinosaur-lost-world.html

————————————————

 Reference:

 

NEW GEOCHRONOLOGIC AND STRATIGRAPHIC EVIDENCE CONFIRMS THE PALEOCENE AGE OF THE DINOSAUR-BEARING OJO ALAMO SANDSTONE AND ANIMAS FORMATION IN THE SAN JUAN BASIN, NEW MEXICO AND COLORADO

James E. Fassett

KEY WORDS: Paleocene dinosaurs; K-T interface, geochronology, palynology, paleomagnetism, vertebrate paleontology

click for the HTML or for full PDF

maggio 4, 2009 Posted by | 1 | , , , , | Lascia un commento

2009-04-06 – Plymouth ENG: Plymouth Ocean Acidification Meeting

see: http://oaplymouth.wordpress.com/

and the video: The Other CO2 Problem

and about acidification see the previous post:

2009-03-09 – L’inquinamento “corrode” la vita marina (Acid Ocean, thinner shells)

aprile 6, 2009 Posted by | 1 | , | Lascia un commento

2009-04-05 – Rivalta, IM ITA: “Mostra di minerali, fossili e pietre dure

Sulla pietra le “foto” degli animali

Minerali e fossili in mostra alla Sala Miceti

I celancati e un limulo sono tra i protagonisti della 19esima “Mostra di minerali, fossili e pietre dure” organizzata dal Gruppo Mineralogico e paleontologico Giuseppe Scarabelli nella sala Miceti di viale Rivalta, a Imola, che verrà inaugurata sabato 4 aprile alle 11. Sono più di 30 gli espositori provenienti da Italia, Marocco e India che nei 120 metri quadri dello spazio espositivo presenteranno minerali di ogni angolo del mondo e gioielli in pietra dura (rubini, zaffiri, giade, acquemarine).
Tra le vetrine si segnala quella realizzata dal segretario del gruppo imolese Scarabelli, organizzatore dell’evento, Gildo Gavanelli, che presentati alcuni rari fossili del periodo giurassico: ottimamente conservati permettono di vedere le caratteristiche somatiche più fini di animali vissuti milioni di anni fa. Tra i pezzi esposti fedelissime riproduzioni delle lastre di fossili di celacanti e un limulo provenienti da Solnhofen in Germania e campioni originali giurassici provenienti dalla Baviera di calamari e le belemniti. Cosa sono questi esseri strani? Le belemniti assomigliano a proiettili di pietra, ma in realtà sono le ossa interne di cefalopodi e sono simile agli ossi di seppia. I limuli e i celacanti sono invece dei veri e propri fossili viventi: sono animali marini che, nel susseguirsi delle ere geologiche, sono rimasti uguali e con un’anatomia alquanto particolare per certi aspetti ancora da studiare.
Ci sarà anche uno spazio dedicato ai bambini fino ai 14 anni che potranno partecipare al concorso “Fossili e Minerali visti attraverso gli occhi dei bambini”: l’organizzazione mette a disposizione il materiale occorrente per realizzare i disegni che saranno poi esposti e verranno premiati domenica pomeriggio con campioni di minerali e fossili.
La mostra si potrà visitare sabato e domenica dalle 9 alle 19. Ingresso libero.

02/04/2009

fonte: http://www.nuovodiario.com/cultura.cfm?wid=5430

aprile 5, 2009 Posted by | 1 | 1 commento

2009-04-04 – Cutrofiano: Il Parco dei Fossili

Aradeo-Cutrofiano,

sarà inaugurato il Parco dei Fossili

Un luogo molto conosciuto negli ambienti scientifici sia italiani sia esteri, grazie all’abbondanza e allo stato di conservazione dei reperti Martedì 7 aprile2009, alle ore 10.00, il Comune di Cutrofiano, in provincia di Lecce, inaugurerà l’Intervento di Valorizzazione del Parco Dei Fossili, presso Contrada Lustrelle (Strada Statale Aradeo-Cutrofiano). Alla cerimonia interverranno: Aldo Tarantini, Sindaco di Cutrofiano, l’On. Antonio Lia, Presidente GAL “Capo S. Maria di Leuca”, l’Avv. Francesco Bruni Presidente Consorzio dei Comuni “Terra dei due Mari, la Dott.ssa Stefania Mandurino, Commissario Azienda di Promozione Turistica di Lecce, il Prof. Giuseppe Piccioli Resta, Docente Università del Salento di Lecce ed il Sen. Giovanni Pellegrino, Presidente della Provincia di Lecce. La riqualificazione e la valorizzazione del Parco dei fossili rientra nell’ambito dell’Intervento 4.1.2 “L’educazione ambientale nel Parco della natura” del Piano di Sviluppo Locale “Parco Rurale della Terra dei due Mari” del GAL Capo S. Maria di Leuca, cofinanziato dal Programma Operativo LEADER Plus e dal Comune di Cutrofiano. Con questo progetto, il GAL si è posto l’obiettivo di valorizzare un sito a cielo aperto, con una superficie di circa dodici ettari, dove sono esposti vari strati geologici, di origine marina, alcuni dei quali molto ricchi di fossili. Un luogo molto conosciuto negli ambienti scientifici sia italiani sia esteri, grazie all’abbondanza e allo stato di conservazione dei reperti. Tutto ciò rientra negli interventi ai quali sono interessati i 17 Comuni dell’area LEADER Plus: Acquarica del Capo, Cutrofiano, Giuggianello, Giurdignano, Minervino di Lecce, Otranto, Poggiardo, Ruffano, Salve, Sanarica, San Cassiano, S. Cesarea Terme, Specchia, Supersano, Tricase, Ugento e Uggiano La Chiesa, componenti del Consorzio dei Comuni “Terra dei due mari”, il quale ha individuato i beni del patrimonio architettonico-culturale ed ambientale, oggetto del cofinanziamento. Il GAL del Capo di Santa Maria di Leuca ha come obiettivo principale la costituzione di un sistema integrato di fruizione dei beni culturali ed ambientali, organizzati secondo filoni tematici. A tal fine nell’area LEADER Plus sono stati sostenuti investimenti finalizzati alla valorizzazione dei beni culturali dell’area, individuati fra i seguenti tematismi: preistorico come menhir e dolmen, oppure messapico-romano: siti archeologici, insediamenti vari; basiliano-bizantino: cripte, grotte, insediamenti rupestri, frantoi ipogei, musei, ed anche, a favore di boschi della macchia mediterranea, delle pinete delle serre salentine e del paesaggio rurale. Tutto ciò permetterà una conoscenza complessiva degli aspetti naturalistici e ambientali e del patrimonio culturale del territorio salentino, contribuendo così a creare il “Parco della Cultura e della Natura della Terra dei due Mari”. Lungo la strada Statale Aradeo-Cutrofiano, presso l’incrocio per Sogliano Cavour, è ubicato il “Parco dei Fossili”, una cava dismessa alla fine degli anni 70 e riaperta nel 1999, che rappresenta un raro esempio, in Italia e in Europa, di recupero a fini scientifici. I fossili presenti negli strati argillosi dell’area in esame appartengono al Pleistocene inferiore (Prima Glaciazione), quando la maggior parte dell’attuale Salento era sommerso dalle acque marine e sono essenzialmente costituiti da abbondantissimi resti di numerosi gruppi animali (celenterati, molluschi, briozoi, artropodi, vertebrati) e vegetali (alghe calcaree). I differenti strati geologici leggibili nella cava Lustrelle (nome originario dell’area) sono tutti di origine marina, ad eccezione di quello più superficiale, costituito da terreno agricolo e da humus. Essi sono sovrapposti pressoché orizzontalmente, con i più recenti in superficie e quelli di più antica formazione più in basso. Altre specie ricoprono una notevole importanza scientifica, poiché segnalano, con la loro presenza, scomparse condizioni climatiche, come il bivalve Arctica islandica, il gasteropode Aporrhais uttingeriana e tante altre. Per questi motivi l’area era già nota negli ambienti scientifici nazionali ed internazionali ma, dal 2008, ha assunto nuova e ancora maggiore valenza per la scoperta, effettuata dal responsabile scientifico del sito, Prof. Giuseppe Piccioli Resta, di una specie nuova per la scienza, il mollusco poliplacoforo Leptochiton serenae. Cava Lustrelle comprende sia i terreni a quota di campagna che un’ampia area posta a circa 18 metri sotto il piano stradale, per una superficie complessiva di circa 12 ettari; il parco è stato piantumato con circa 8.000 alberi di specie varie. Ampio spazio è stato lasciato al reimpianto spontaneo della flora salentina, mentre alcune pareti d’argilla sono a vista per permettere l’identificazione della successione stratigrafica e lo studio dei fossili. 03/04/2009 Fonte: http://www.sudnews.it/notizia/33711.html

aprile 4, 2009 Posted by | 1 | Lascia un commento

2009-03-12 – Most complete fossil SHARK

SHARK PICTURE: Most Complete Great White Fossil Yet

2009-03-12-shark

March 12, 2008—This four-million-year-old fossil has taken some of the bite out of the great white shark‘s supposedly menacing ancestry, a new study finds.

The specimen—which includes part of the spinal column, the head, jaws lined with 222 teeth—is the most complete fossil known of an ancient great white shark.

Scientists had long assumed that great whites—which can reach lengths of 20 feet (6.1 meters)—were close kin of the prehistoric “megatooth” sharks, frightening creatures that grew up to 50 feet (15.2 meters) long and had jaws more than 9 feet (2.7 meters) wide.

But a new look at the fossil suggests that great whites are more closely related to the less fearsome and smaller mako shark, a species that still exists today.

If true, megatooths and great white sharks may have hit jumbo size independently, said study lead author Dana Ehret, a graduate student at the Florida Museum of Natural History.

(Related: “Great White Shark Filmed Breaching at Night — A First”. With video.)

Competition between great whites and megatooths may have contributed to both species’ growth, said Ehret, whose study appears this month in the Journal of Vertebrate Paleontology.

The well-preserved specimen, found in 1988 in southwestern Peru, was donated to the Florida museum in 2008.

“It’s really outstanding—not like anything we’ve seen in the fossil record in the past,” Ehret said.

—Christine Dell’Amore

 

 

Photograph courtesy Dana J. Ehret

marzo 12, 2009 Posted by | 1 | | Lascia un commento

2009-02-28 – L’origine del sesso (sex origin)

Così il sesso nella preistoria la prima volta milioni di anni fa

Un team internazionale ha analizzato la conformazione di un fossile di Placoderma. Portava in grembo un feto di 5 centimetri. E’ il primo esempio di biologia riproduttiva di SARA FICOCELLI

IL sesso è cominciato 380 milioni di anni fa. Secondo una ricerca condotta da un team internazionale, è stato un pesce australiano uno dei primi vertebrati conosciuti a riprodursi fecondando le uova con un rapporto sessuale. Finora gli scienziati credevano che, a quei tempi, tutto si svolgesse a distanza, con la femmina che depositava le uova all’esterno e il maschio che, in un secondo momento, le fecondava. Invece no. Anche i pesci preistorici facevano l’amore. E il ritrovamento di un fossile con un embrione di 5 centimetri in grembo toglie ogni dubbio in proposito.

Questa scoperta ha portato la ricercatrice Zerina Johanson del London’s Natural History Museum (tra gli istituti che hanno partecipato allo studio) e altri colleghi a stravolgere le tesi finora sostenute in proposito, reinterpretando la conformazione di un fossile già esposto nel museo. La ricerca, pubblicata su Nature, dimostra che i meccanismi di fecondazione animale si sono evoluti molto più velocemente di ciò che si pensava.

“Questi pesci – spiega l’esperta – presentano una delle più antiche manifestazioni di riproduzione interna. Testimonianze di biologia riproduttiva sono assolutamente rare nei fossili e la nostra sorpresa è stata ancora più grande quando abbiamo scoperto che il tipo di riproduzione non era affatto primitivo”. Dunque gli embrioni già 380 milioni di anni fa si sviluppavano nel grembo materno e non all’esterno, nell’acqua.

Il fossile di pesce ritrovato risale al periodo Devoniano, durato da 395 a 345 milioni di anni fa, il suo nome scientifico è Incisoscutum ritchiei. Appartiene a un gruppo di animali preistorici conosciuti come Placodermi, una classe completamente estinta di vertebrati simili ai pesci moderni. Erano dotati di un carapace osseo molto sviluppato nella regione craniale e in quella toracica. Le due parti erano articolate tra loro in modo da permettere il movimento della parte superiore della testa, probabilmente per favorire l’apertura della bocca.

Gli studiosi hanno analizzato la struttura pelvica del fossile, notando una sottile modificazione all’altezza della pancia. Gli autori dello studio ritengono che questa conformazione corporea, tipica degli squali moderni, potrebbe essere servita al maschio per tener ferma la femmina durante il rapporto. “La valva è un organo erettile intermittente che viene poi inserito nel corpo femminile per trasportare lo sperma”, spiega il co-autore John Long, paleontologo del Museum Victoria in Australia.

In una particolare specie di Placoderma, lo ptictodontide, questo organo è ricoperto di osso e uncinato. “Questo nuovo gruppo ha la valva molto più flessibile. Nel nostro studio suggeriamo che si tratti del primo esempio di fecondazione erettile maschile, poiché una parte di questo organo è fatta di cartilagine morbida”, conclude Long.

Il processo di fecondazione interna e di messa al mondo distingue alcuni pesci e mammiferi da altri animali, come rettili e anfibi. La dottoressa Johanson ritiene che questo fosse il metodo riproduttivo più diffuso tra questi pesci preistorici e non esclude che la cosa possa aver riguardato anche altre specie. “Il sesso era più comune di ciò che si pensava. Fino a ieri credevamo che la fecondazione esterna fosse la principale forma di riproduzione, oggi sappiamo che la più diffusa era l’accoppiamento”.

Il fossile che ha portato alla scoperta si trova nel museo londinese dagli anni ’80 ma inizialmente si credeva che fosse morto subito dopo aver mangiato e che la protuberanza in questione fosse in realtà determinata dalle ossa del piccolo pesce di cui si era appena cibato. E’ stata la dottoressa Johanson, in collaborazione con altri colleghi, a mettere in discussione questa interpretazione, giungendo alla conclusione che “l’ultimo pasto” fosse in realtà un embrione.

repubblica.it
 
———————————————————————————————
 

Fish knew first about sex

A pregnant fossil fish at the Natural History Museum in London has shed light on the possible origin of sex, according to a study published today in the journal Nature by an international team including Museum scientists.

The fossil is an adult placoderm, an extinct group of armoured fish, and it contains a 5cm-long embryo.

It is dated to the Upper Devonian period 350 million years ago and was found in the Gogo formation of western Australia.

The fish species is Incisoscutum ritchiei and this specimen is one of the earliest examples of a pregnant vertebrate and shows that internal fertilisation, or sex, started far sooner than previously thought.

‘This discovery is incredibly important because evidence of reproductive biology is extremely rare in the fossil record,’ says Dr Zerina Johanson, fossil expert (palaeontologist) at the Natural History Museum.

Different types of fertilisation

External fertilisation is believed to be the earliest form of reproduction and scientists used to think the placoderms and other early fish groups used this method. ‘We expected that these early fishes would show a more primitive type of reproduction, where sperm and eggs combine in the water and embryos develop outside the fish,’ says Dr Johanson.

The process of internal fertilisation and giving birth to live young, or viviparity, is more advanced and differentiates some fish and mammals from other animals such as reptiles and amphibians.

Johanson and her colleagues believe it was the main reproductive method for early fish groups such as the placoderms and could have evolved in other fish groups.

‘Sex was far more common in these primitive prehistoric animals,’ adds Dr Johanson. ‘However, copulation appears to be the main way they reproduced, demonstrating that ‘sex’ started a lot sooner than we thought.’

Look again at Museum specimen

The fish fossil has been in the Museum collections since the 1980s. Along with thousands of other fish specimens, they are used in scientific study by Museum scientists and other researchers from around the world.

The Incisoscutum ritchiei fish specimen was originally thought to have died soon after its final meal, because the bones of a smaller can be fish seen within it.

However, recent findings such as embryos found in other placoderms, caused Johanson and her colleagues to take another look at the fossil.

‘The position of the embryo in this fish is the same as that of another found with a placoderm embryo in it in 2008.’ So they decided to reassess the description for the Incisoscutum ritchiei fossil.

The team came to the conclusion that the ‘meal’ was in fact a young fish developing in the womb of an adult.

‘The embryo in Incisoscutum ritchiei was in its final stages of development, inside its mother, waiting to be born,’ continues Dr Johanson.

‘This specimen shows just how important the Museum collections are because knowledge evolves and we have new interpretations that we can apply to fossils in the collections.’

Pelvic fin

A modification of the pelvic fin on the belly of the adult fish is also significant. This structure, or clasper, would have been used by the male to grip the female during mating.

Armoured fish

Placoderms were a diverse group of prehistoric fish. Their head and thorax were covered by articulated armoured plates and the rest of the body had scales or was naked, depending on the species.

Thought to be the most primitive jawed vertebrates, placoderms were the dominant vertebrate group during the Devonian period.

It was thought they went extinct due to competition from the first bony fish and early sharks. 

But now research has shown that the last placoderms died out one by one as each of their ecological communities suffered the environmental catastrophes of the Devonian/Carboniferous extinction event.

nhm.ac.uk (with video)

———————————————————————————————

Study of fossils shows prehistoric fish had sex

The Associated Press – ‎25-feb-2009‎
Scientists from Australia and Britain studying 380 million-year-old fossils of the armored placoderm fish, or Incisoscutum richiei, said they were initially

febbraio 28, 2009 Posted by | 1 | 1 commento

2009-02-23 – Neanderthal sui Colli Berici

Sui Colli Berici dove 50 mila anni fa i Neanderthal facevano shopping

Così doveva apparire l’uomo di Neanderthal

 

Vicenza. Doveva esserci un gran traffico sui Colli Berici, 50 mila anni fa. Un po’ come a Jesolo e Rimini d’estate, pieno di turisti tedeschi e famigliole italiane. Perché, come hanno dimostrato gli ultimi scavi tra Lumignano e Mossano, quelle colline vicentine all’uomo di Neanderthal prima e all’homo sapiens poi piacevano molto. Piene di selvaggina, grotte per ripararsi, selci per costruire armi. Una specie di centro commerciale preistorico. Magari non in stile cartoon dei Flinstons ma abbastanza ricco da far scendere i neanderthaliani addirittura dalla Germania o farli risalire dal Centro-Italia per fare rifornimento sui Berici.

Lo studio dei ritrovamenti su Monte Brosimo, grotte del Broion e di Trene e Colle della Stria, hanno spiegato gli esperti al convegno organizzato qualche giorno fa a Venezia dall’Istituto veneto di scienze, lettere ed arti, è stato una vera sorpresa: nel Vicentino era tutto un via vai di uomini preistorici, anche in epoche diverse. Come ha raccontato Alberto Broglio, asiaghese di nascita, professore di paleontologia all’Università di Ferrara e membro dell’Accademia olimpica: “I cacciatori erano attirati nei Berici perché trovavano stambecchi, camosci e marmotte nelle zone dell’Altopiano, cervi e caprioli tra i boschi, alci nella Pedemontana e bisonti in pianura”. I primi segni della presenza dei neanderthaliani sui colli risalgono a 60-70 mila anni fa. Poi circa 40 mila anni fa spariscono da qui e dall’intera Europa, all’improvviso come i dinosauri 250 mila anni prima. E al loro posto appare l’homo sapiens. Insomma noi.

Così la misteriosa estinzione dell’uomo di Neanderthal è diventata uno dei grandi misteri della paleontologia: era intelligente, forte, organizzato, grande cacciatore. Aveva superato anche l’ultima glaciazione. Eppure in poche migliaia di anni scompare, anche da quei Colli Berici e dall’Altopiano di Asiago dove mangiare, vestirsi e armarsi sembra essere più facile che in molte altre zone d’Europa.

Nelle grotte sopra Lumignano hanno trovato i resti dei focolari, le ossa degli animali cacciati, le selci usate come utensili o punte per le lance. Zone ricche, per certi materiali, quelle delle Prealpi venete: perfino l’uomo di Similaun, molto più giovane (circa 4 mila anni fa) aveva con sé selci dei Lessini. E a rifornirsi qui venivano anche dalle alpi umbro-marchigiane, tra 20 e 10 mila anni fa.

Poi sono comparsi i sapiens e sappiamo come è andata. Era forse più abili e agili. E avevano molta immaginazione. Nella loro vita infatti non c’era solo fame, caccia, freddo e paure. Nelle grotte vicentine hanno trovato oggetti d’arte e ornamenti. Anche sorprendenti. Come ha scoperto Giampaolo Dalmeri, professore del Museo Tridentino di Scienze Naturali che ne parlerà sabato 28 febbraio alle scuole elementari di Quinto Vicentino. Dalmeri ha studiato un sito (detto Riparo Dalmeri) a Marcesina, sopra Enego. E ha trovato i segni di una capanna di circa 11 mila anni fa, assieme a centinaia di pietre sparse all’entrata dipinte di ocra con figure di animali, antropomorfe o di scene di vita reale. Dipinti su piccoli sassi, non sulle pareti delle grotte. Una rarità. E forse il primo messaggio dell’homo sapiens per dare l’addio ai neanderthal e dire: ora qui ci siamo noi.

Alessandro Mognon

fonte: http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/158565/

febbraio 23, 2009 Posted by | - Italia, 1, Cenozoic, Europa, Lang. - Italiano, P - Paleoantropologia, Paleontology / Paleontologia | 1 commento