Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2009-07-02 – Germania: Flauto preistorico (Germany, Prehistoric Flute)

GERMANIA: TROVATO UN FLAUTO PREISTORICO DI 35. 000 ANNI

(AGI) – Parigi, 24 giu. – La Germania si sta rivelando una miniera di reperti preistorici. Un flauto risalente a 35.000 anni fa e’ stato ritrovato vicino Ulm nella valle di Ach, nel Sud del Paese nello stesso sito dove e’ stata rinvenuta la cosiddetta ‘Venere di Hohle Fels’ una statuina di avorio raffigurante una donna appena abbozzata. La scoperta’ e’ frutto del lavoro di un’equipe di archeologi guidati da Nicholas Conard. Secondo quanto riferisce Nature il flauto, realizzato con un osso di avvoltoio ha cinque buchi, e’ lungo 22 centimetri e si puo’ suonare come uno strumento attuale.

fonte: http://www.agi.it/estero/notizie/200906242311-est-rt11367-germania_trovato_un_flauto_preistorico_di_35_000_anni

—————-

Prehistoric flute in Germany is oldest known

June 24th, 2009

<!–

–>Prehistoric flute in Germany is oldest knownEnlargeThe flute. Foto: H. Jensen. Copyright: Universität Tübingen.

Excavations in the summer of 2008 at the sites of Hohle Fels and Vogelherd produced new evidence for Paleolithic music in the form of the remains of one nearly complete bone flute and isolated small fragments of three ivory flutes.

 

 

 

 

 

The most significant of these finds, a nearly complete bone flute, was recovered in the basal Aurignacian deposits at Hohle Fels Cave in the Ach Valley, 20 km west of Ulm. The flute was found in 12 pieces. The fragments were distributed over a vertical distance of 3 cm over a horizontal area of about 10 x 20 cm. This flute is by far the most complete of all of the musical instruments thus far recovered from the caves of Swabia.

The preserved portion of the bone flute from Hohle Fels has a length of 21.8 cm and a diameter of about 8 mm. The flute preserves five finger holes. The surfaces of the flute and the structure of the bone are in excellent condition and reveal many details about the manufacture of the flute. The maker carved two deep, V-shaped notches into one end of the instrument, presumably to form the proximal end of the flute into which the musician blew. The find density in this stratum is moderately high with much flint knapping debris, worked bone and ivory, bones of horse, reindeer, mammoth, cave bear, ibex, as well as burnt bone. No diagnostic human bones have been found in deposits of the Swabian Aurignacian, but we assume that modern humans produced the artifacts from the basal Aurignacian deposits shortly after their arrival in the region following a migration up the Danube Corridor.

The maker of the flute carved the instrument from the radius of a griffon vulture (Gyps fulvus). This species has a wingspan between 230 and 265 cm and provides bones ideal for large flutes. Griffon vultures and other vultures are documented in the Upper Paleolithic sediments of the Swabian caves.

The 2008 excavations at Hohle Fels also recovered two small fragments of what are almost certainly two ivory flutes from the basal Aurignacian. The different dimensions of the fragments indicate that the two finds are not from the same instrument. Excavators at Vogelherd in the Lone Valley 25 km northwest of Ulm recovered another isolated fragment of another ivory flute.

The technology for making an ivory flute is much more complicated than making a flute from a bird bone. This process requires forming the rough shape along the long axis of a naturally curved piece of ivory, splitting it open along one of the bedding plains in the ivory, carefully hollowing out the halves, carving the holes, and then rejoining the halves of the flute with an air-tight seal. Given the tendency of delicate ivory artifacts to break into many pieces, it is not unusual to find isolated pieces of such artifacts.

The 10 radiocarbon dates from the basal Aurignacian fall between 31 and 40 ka BP. Available calibrations and independent controls using other methods indicate that the flutes from Hohle Fels predate 35,000 calendar years ago. Apart from the caves of the Swabian Jura there is no convincing evidence for musical instruments predating 30 ka BP.

These finds demonstrate that music played an important role in Aurignacian life in the Ach and Lone valleys of southwestern Germany. Most of these flutes are from archaeological contexts containing an abundance of organic and lithic artifacts, hunted fauna, and burnt bone. This evidence suggests that the inhabitants of the sites played musical instruments in diverse social and cultural contexts and that flutes were discarded with many other forms of occupational debris. In the case of Hohle Fels, the location of the bone flute in a thin archaeological horizon only 70 cm away from a female figurine of similar age suggests that a possible contextual link exists between these two finds.

The flutes from Hohle Fels, Vogelherd and previous finds from nearby Geißenklösterle Cave demonstrate that a musical tradition existed in the cultural repertoire of the Aurignacian around the time modern humans settled in the Upper Danube region. The development of a musical tradition in the Aurignacian accompanied the development of the early figurative art and numerous innovations, including a wide array of new forms of personal ornaments, as well as new lithic and organic technologies. The presence of music in the lives of Upper Paleolithic peoples did not directly produce a more effective subsistence economy and greater reproductive success, but music seems to have contributed to improved social cohesion and new forms of communication, which indirectly contributed to demographic expansion of modern humans relative to the culturally more conservative Neanderthal populations.

The flutes from the caves of the Swabian Jura constitute a key part a major exhibit in Stuttgart entitled Ice Age Art and Culture, which will run from September 18, 2009 – January 10, 2010.

More information: The authors of the paper “New flutes document the earliest musical tradition in southwestern Germany” are Nicholas J. Conard Maria Malina and Susanne C. Münzel. The paper will be published as Advance online publication in Nature, June 25, 2009.

Provided by Universitaet Tuebingen

source: http://www.physorg.com/news165069257.html

————————————————

Annunci

luglio 2, 2009 Posted by | Archeology / Archeologia, Articolo sc. di riferimento, Cenozoic, Europa, Lang. - Italiano, P - Paleoantropologia, P - Ritrovamenti fossili, Paleontology / Paleontologia, X - Nature | , , , , , | 1 commento

2009-01-27 – Svelato il segreto delle mummie di Palermo

Mon, 26 Jan 2009 14:13:00

Dai sotterranei di Palermo alle pagine del National Geographic, scoperto il segreto della mummia

BOLZANO – Rischiava di andare perduto, invece – grazie agli studi dei ricercatori dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC – avrà risalto sulle pagine del National Geographic, sia nella versione italiana che in quella internazionale. Il prossimo numero della prestigiosa rivista scientifica, in uscita in Italia il 26 gennaio, documenta il lavoro che Albert Zink, direttore dell’Istituto, e Dario Piombino-Mascali, giovane antropologo siciliano, hanno condotto per svelare il mistero della formula utilizzata per conservare il corpo di Rosalia Lombardo, la mummia più famosa tra quelle custodite nelle Catacombe dei Cappuccini a Palermo. Nel capoluogo siciliano la mummia della piccola Rosalia, morta nel 1920 all’età di due anni, rappresenta una vera e propria attrazione turistica. Il fiocco che le solleva i capelli, i ciuffi che le ricadono sulla fronte e il volto paffuto e disteso contrastano con l’immagine macabra a cui solitamente una mummia viene associata e danno l’impressione che la bambina stia solo dormendo. Per ottenere questo risultato, l’imbalsamatore Alfredo Salafia aveva fatto ricorso a un sistema di conservazione permanente delle salme basato sull’iniezione di sostanze chimiche. La formula però era rimasta ignota. Solo in seguito alla ricostruzione della genealogia dell’imbalsamatore e all’incontro con gli eredi,  i ricercatori dell’EURAC sono riusciti ad accedere ai suoi appunti e a ricostruire la misteriosa formula. “Si tratta di una miscela di formalina, glicerina, sali di zinco, alcool e acido salicilico”, spiega Dario Piombino-Mascali, ricercatore dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman, “a cui si poteva aggiungere un trattamento del volto con paraffina disciolta in etere, per mantenere un aspetto del volto vivo e rotondeggiante”. Come sottolinea il National Geographic nel suo reportage, la scoperta ha un importante valore storico-medico, perché la soluzione messa a punto dall’imbalsamatore siciliano è uno dei primi esempi di uso della formaldeide per l’imbalsamazione umana. Nel corso delle ricerche si è anche pensato a come garantire la preservazione della salma di Rosalia Lombardo. “Ora che conosciamo il metodo di imbalsamazione a cui il corpo è stato sottoposto, possiamo avviare uno studio conservativo per salvaguardare la piccola mummia da un ulteriore degrado”, spiega Albert Zink. Oltre all’interesse di National Geographic Magazine, le ricerche dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman hanno destato anche l’attenzione di National Geographic Channel che ha prodotto il documentario “Italy’s mystery mummies” in uscita il 3 febbraio negli Stati Uniti.(PRIMAPRESS)

fonte: http://www.primapress.it/news/120/ARTICLE/1882/2009-01-26.html

——————————————————————————————————————————-

 

2009-01-26 11:11

Paleontologia: svelato il segreto della mummia di Palermo Studio di Eurac Bolzano e di un ricercatore siciliano

(ANSA) – BOLZANO, 26 GEN – E’ stato scoperto il mistero della conservazione della mummia di Rosalia Lombardo a Palermo. Studi dell’Eurac di Bolzano e di Dario Piombino-Mascali, giovane antropologo siciliano, hanno svelato un sistema di conservazione basato su una miscela di formalina, glicerina, sali di zinco, alcool e acido salicilico a cui si aggiunge un trattamento del volto con paraffina disciolta in etere, per mantenere un aspetto vivo e tondeggiante. Al via, ora, uno studio conservativo per salvaguardare la piccola mummia da un ulteriore degrado. (ANSA).

fonte: http://www.ansa.it/site/notizie/regioni/trentino/news/2009-01-26_126297187.html

gennaio 27, 2009 Posted by | - Italia, - Mammiferi, - Ominidi, - Primati, An. Vertebrates, Archeology / Archeologia, Attuale, Curiosità, Europa, Lang. - Italiano | , , , , | 1 commento

2008-12-12 – Alba (CN): ‘Archeogiornate’

‘Archeogiornate’: parte oggi con l’età della pietra verde

Due domeniche dedicate alla storia con laboratori di archeologia sperimentale, ricostruzioni di scene di vita quotidiana degli antichi, visite guidate e incontri di approfondimento. Fiore all’occhiello delle Archeogiornate 2008 l’inedita visita ai sotterranei del Palazzo Comunale di Alba e alle collezioni ‘nascoste’ del Museo Eusebio. Laboratori di archeologia sperimentale e degustazioni di antiche ricette, ricostruzioni di ambienti e scene di vita quotidiana: per due domeniche (questa e la prossima, 30 novembre, dalle 15 alle 18.30 con ingresso gratuito) il Museo Eusebio torna a essere luogo di scoperta e di divulgazione grazie alle ‘Archeogiornate’. Le Archeogiornate sono organizzate dalla Città di Alba e dal Museo Civico Federico Eusebio in collaborazione con le associazioni Virginio e Turismo in Langa: appuntamento ormai tradizionale per la città, quest’anno è anche l’occasione per scoprire volti inediti della città antica. Le Archeogiornate sono pensate anche per i bambini: i laboratori di archeologia sperimentale sono sempre un momento di grande coinvolgimento per i più piccoli, invitati a immedesimarsi ora negli uomini preistorici, ora negli antichi Romani, per comprendere il loro mondo e la grande capacità d’adattamento. Spazio anche agli approfondimenti sull’età preistorica e sulle origini romane di Alba, grazie alle visite guidate e agli incontri curati dall’archeologa del Museo: appuntamento di grande rilievo per la città le visite del 30 novembre ai depositi dell’Eusebio con pezzi della collezione mai esposti prima e con la visita agli scavi nei sotterranei del Palazzo Comunale, aperti per la prima volta al pubblico per l’occasione.

Oggi 23 novembre: l’età della pietra (verde)Laboratori di archeologia sperimentale sulla lavorazione e levigazione della pietra verde e dell’osso per la creazione di attrezzi e un laboratorio di macinazione dei cereali. Alle 15.30 e alle 17.30 appuntamento con due incontri di approfondimento sulla lavorazione della pietra verde, a cura dell’archeologa del Museo Eusebio, Luisa Albanese che, a seguire, condurrà anche la visita guidata alla sezione preistorica del Museo. Per tutto il pomeriggio, poi, possibilità di degustazioni di cibi ‘preistorici’ e della birra del Neolitico.

30 novembre: cosa c’è sotto?
Giornata dedicata a rintracciare le preziose testimonianze che Alba cela nel sottosuolo. Appuntamento centrale le visite guidate(partenza dal Museo alle ore 15, 16, 17 e 18) – a cura dell’archeologa del Museo Luisa Albanese – al ‘deposito’ dei reperti del Museo, al tempio romano di Piazza San Giovanni e alle tracce di Alba Pompeia e della città medievale nei sotterranei del Palazzo Comunale di Alba. Le visite guidate agli scavi sono effettuabili esclusivamente in gruppi di massimo 10 persone: è necessaria la prenotazione allo 0173.364030 e indossare calzature comode per affrontare il percorso di visita. Sempre il 30 novembre appuntamenti anche con i laboratori di archeologia sperimentale, dedicati alle tecniche edilizie romane (gli attrezzi del carpentiere e l’utilizzo della ‘groma’ per tracciare la centuriazione), con la visita guidata alla sezione romana del Museo Eusebio e con le degustazioni di pietanze ‘romane’ e vino aromatizzato (ricette tratte dal ‘De Re Coquinaria’ di Apicio).

fonte: http://www.targatocn.it/it/internal.php?news_code=57511&cat_code=36

dicembre 12, 2008 Posted by | - Italia, Archeology / Archeologia, conferenze, Europa, Lang. - Italiano, People & Meetings | , , , , , , | Lascia un commento

2008-11-23 – Vallecamonica, ITA: Scoperti interi villaggi preistorici

Scoperti in Vallecamonica interi villaggi preistorici

di PAOLA COMINELLI – 2008-11-21

INTERI VILLAGGI preistorici, siti religiosi e massi istoriati. Stanno venendo in luce in alta Vallecamonica, nei comuni di Ponte di Legno, Canè, Vezza d’Oglio e Monno, grazie all’archeologoco camuno Ausilio Priuli, che da anni sta conducendo ricerche anche in quota. La campagna di scavi è sostenuta dall’Unione dei comuni dell’alta Valle che intendono valorizzare e rilanciare il turismo archeologico e culturale della zona. Le scoperte sono frutto di tre anni di lavoro. LE RICERCHE hanno permesso di riportare alla luce interi villaggi di sei-sette case, altri di dieci o di dodici, addirittura anche di diciotto, veri e propri paesi che potevano ospitare anche cento persone e che distribuiti sul territorio avevano anche la funzione di presidiarlo in modo intelligente e razionale. Alcuni di questi villaggi, di cui non era mai neppure immaginata l’esistenza, sono ubicati lungo antichi tracciati viari. Un grande villaggio, i cui fondi della case sono ben conservati, è stato scoperto dal prof Priuli a 1.700 metri di quota al passo del Tonale. Altri villaggi sono stati trovati a Ponte di Legno, a Canè, a Vezza d’Oglio, a Vione, a Incudine. Il villaggio più imponente è stato ritrovato a Pezzo, con 25 abitazioni. Tutti i villaggi sono in posizione panoramica, strategica, soleggiata e dominante. LE RICERCHE sono ancora in corso e in comune di Monno sembrano emergere nuove importanti scoperte tra le quali le tracce di un grande villaggio antico del tutto simile ad altri siti dell’alta Valle, all’interno del quale ci sarebbe anche un masso inciso. L’UNIONE dei comuni intende sostenere la ricerca e ha già chiesto al prof Priuli di formalizzare progetti concreti per la valorizzazione di questo grande patrimonio archeologico. Perché le scoperte hanno portato in luce negli anni scorsi non solo i villaggi ma anche massi istoriati ad alta quota nella zona del Gavia, del Montozzo, nella conca del Mortirolo, nella Valle delle Messi. Le ricerche hanno evidenziato la presenza di massi con incisioni risalenti a 10-8 mila anni fa. I villaggi sono di epoche più recenti, attorno a 2 mila e 500 anni fa. Ad affiancare il prof Priuli nelle ricerche anche storici e appassionati locali, da Walter Belotti del Museo della Guerra Bianca, il fotografo Pino Veclani, ma anche Eugenio Ferrari, Marino Tognali, Luca Sterle, Edoardo Nonelli e Cesare Lazzarini.

 Fonte . Il Giorno

novembre 23, 2008 Posted by | - Italia, Archeology / Archeologia, Lang. - Italiano | , , , , , | Lascia un commento

2008-11-20 – Germania: La più antica sepoltura multipla (oldest family tomb)

SCOPERTA LA PIU’ ANTICA TOMBA DI FAMIGLIA

2008-11-18 19:53

Sono stati vittime di una aggressionee chi li ha trovati li ha sepolti con molta cura: la mamma di fronte a un figlio e il papà di fronte all’altro rannicchiando i corpi e sistemandoli in modo che si guardassero l’un l’altro.

Sono i resti del più antico nucleo familiare mai scoperto finora. La famiglia, composta da una donna dall’età fra i 35 e i 50 anni, un uomo fra i 40 e 60, e due bambini di circa cinque e nove anni, è vissuta 4.600 anni fa, nei pressi del fiume Saal vicino ad Eulau, in Germania, insieme con altri nove individui sepolti nelle vicinanze.

A fare luce su età, parentela e luoghi dove sono cresciute queste persone è uno studio pubblicato sulla rivista dell’Accademia Americana delle Scienze, Pnas da un gruppo di ricerca coordinato dall’ Università tedesca Johannes Gutenberg- Mainz.

La ricerca ha ricostruito la tragedia dell’età della pietra con tecniche genetiche, isotopiche, antropologiche e archeologiche. I dati emersi evidenziano che tutti e 13 gli individui sepolti sono stati vittime di un’aggressione fatale perché mostrano segni di lesioni. In particolare, nella vertebra di una donna è stato trovato un proiettile di pietra e due adulti hanno il cranio fratturato.

Molte vittime, inoltre, hanno anche ferite da difesa alle ossa degli avambracci e delle mani. Secondo gli studiosi, queste persone avrebbero subito un raid da parte di un’altra comunità, e poi, sono state inumate con molta cura (insolita per il Neolitico) dagli individui superstiti dell’aggressione. Lo studio ha fatto anche luce su aspetti sociologici della comunità di appartenenza.

Misurando gli isotopi di stronzio presenti nel cibo intrappolato nei denti, gli scienziati hanno stabilito che le donne sepolte hanno vissuto l’infanzia in un luogo diverso da quello degli uomini e dei bambini.

“Questo dato – ha osservato uno degli autori, Alistair Pike, archeologo all’università di Bristol – è indice di esogamia, una regola per cui il coniuge deve essere scelto al di fuori del villaggio di appartenenza e di patrilocalità, un’usanza che impone ad una coppia di andare a vivere nei pressi della casa del padre del marito”. Tradizioni, conclude l’esperto, usate per evitare l’incrocio fra consanguinei e per intessere la rete di parentela con altre comunità.

fonte: ANSA

novembre 20, 2008 Posted by | - Italia, - Ominidi, - Primati, 1 Olocene, Archeology / Archeologia, Articolo sc. di riferimento, Lang. - Italiano, P - Paleoantropologia, Paleontology / Paleontologia, X - PNAS | , , , , , , | Lascia un commento

2008-11-13 – Fano, ITA: Archeo Lógos, incontri di Archeologia

Archeo Lógos, incontri di Archeologia

Archeo Lógos è il titolo di un ciclo di incontri che l’ Assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con il Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano organizza per incentivare e promuovere la conoscenza delle proprie raccolte archeologiche. 

Il ciclo consta di quattro incontri pomeridiani che si terranno, sempre di giovedì, presso la sezione archeologica del Museo. Qui, grazie a quattro guide d’eccezione che illustreranno le collezioni, il pubblico potrà ripercorrere la storia antica di Fano che, grazie a studi e nuove scoperte, è in continuo aggiornamento. Si tratta di quattro studiosi che da anni con le loro ricerche contribuiscono ad approfondire e ad arricchire le conoscenze sulle raccolte archeologiche del Museo.

Il ciclo di incontri verrà presentato in conferenza stampa venerdì 14 novembre alle ore 9,00 presso la Residenza Civica. Questo il calendario degli appuntamenti:

20 novembre ore 17,30: “Prima della storia: dal Paleolitico all’età del Bronzo nel territorio di Fano”. Il Professor Luciano De’ Sanctis, membro dell’istituto italiano di Paleontologia Umana, ci guiderà attraverso i reperti della sala della preistoria e protostoria per scoprire le testimonianze più antiche della presenza dell’uomo nel territorio fanese, dai primi manufatti in selce scheggiata del Paleolitico (100.000 anni fa), a quelli in pietra levigata del Neolitico, fino ai recipienti in terracotta e agli oggetti in bronzo pertinenti appunto all’età che da questo metallo prende il nome. Oltre ai reperti conservati nel Museo e provenienti da Fano e dintorni, saranno presentati anche materiali ritrovati nel corso degli anni nel territorio fanese.

27 novembre ore 17,30: il secondo incontro ha per tema “I marmi della statuaria romana al Museo di Fano: Identificazione e provenienza”. La Prof.ssa Maria Letizia Amadori, docente presso il corso di Tecnologia per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali presso l’Università degli studi di Urbino, presenterà le ultime indagini scientifiche di tipo archeometrico effettuate, in collaborazione con l’Università di Modena, sulle sculture e le lastre funerarie esposte nella sala delle iscrizioni e della statuaria romana, nonché sui marmi votivi ospitati presso la sala della Fortuna in occasione della mostra “Res Sacrae”. All’incontro interverrà anche il Dott. Gabriele Baldelli con una piccola introduzione che permetterà di inquadrare i marmi nel loro contesto storico-archeologico.

4 dicembre ore 17,30: il terzo incontro è dedicato a “La testina all’Ottavia nel Museo Civico Archeologico”. La Prof.ssa Valeria Purcaro, docente di archeologia delle Province Romane presso l’università degli Studi di Urbino, si soffermerà ad analizzare il contesto di provenienza (piazza Andrea costa) del ritratto di donna, esposto nella sala delle iscrizioni e della statuaria romana, realizzato in marmo bianco tra il 40 e il 30 a.C. Riconosciuto come ritratto ufficiale di un personaggio femminile della gens Julia, il volto è da attribuire ad Ottavia, sorella di Augusto e sposa di Antonio.

11 dicembre ore 17,30: “Ultime novità archeologiche da lavori a Fano e dintorni”. Questo sarà il tema della serata condotta dal Dott. Gabriele Baldelli, Ispettore Archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Ancona, che illustrerà le recenti scoperte provenienti dagli scavi archeologici. Si tratta di importanti ritrovamenti di epoca romana, quali la villa e la necropoli di Via dell’Abbazia, le tombe di Rosciano e quelle accanto all’Istituto Vittoria Colonna. Verranno presentati, inoltre, i risultati delle indagini effettuate presso la ex scuola Luigi Rossi e sotto la chiesa di S. Michele che hanno permesso di comprendere meglio la struttura dell’Arco d’Augusto.

Tutti i contributi dei relatori saranno poi pubblicati sul secondo numero de “I Quaderni del Museo”, in uscita per la prossima primavera. Ingresso libero.

Info: Ufficio Cultura 0721 887412/3. Museo Civico 0721 828362.

fonte: http://www.viverefano.com/index.php?page=articolo&articolo_id=181176

novembre 13, 2008 Posted by | Archeology / Archeologia, Lang. - Italiano | , , , , , | Lascia un commento

2008-10-25 – Mantova: Reperti preistorici a Campestrin

 Reperti preistorici a Campestrin

Forse un nuovo e cruciale sito archeologico nelle campagne di Grignano. Ritrovati frammenti di pavimento e pareti e un deposto tra le corna di cervo

Reperti preistorici a Campestrin - Mantova

Rovigo, 23 ottobre 2008 – LA LOCALITÀ si chiama Campestrin ed è poco lontana dal cimitero di Grignano, ma tutto si riduce a un campetto che abitualmente viene coltivato a frumento ed è in attesa di essere dissodato. Qui, appena, sotto i primi duri strati di argilla, la sorpresa, vale a dire le tracce, ancora in via di definizione, di un abitato che si può datare tra la fine dell’età del Bronzo recente e del Bronzo finale (XIII-XII sec. a. C.), come sono in molta parte i reperti scoperti in Polesine, da Canar a Frattesina. Una grande scoperta archeologica? E’ ancora presto per dirlo, ma molti indizi lo lasciano presupporre. Tutto era cominciato con una campagna scavi che avrebbe dovuto concentrarsi dalle parti di S. Martino di Venezze e che invece è stata costretta a spostare il suo obiettivo altrove, per via di un campo di insalata che non poteva diventare il teatro di sondaggi esplorativi. Ecco, allora, una segnalazione (una delle tante) nelle campagne di Grignano da parte di un gruppo archeologico di Fratta, che qualcosa aveva trovato. Ecco, ancora, la zona di Campestrin, che geomorfologicamente si situa lungo l’antico ramo del fiume, meglio noto come Po di Adria.

Il primo sondaggio e gli scavi di assaggio condotti dall’archeologo della Sap di Mantova Michele de Micheli, ha dato, dunque, risultati tanto imprevisti quanto entusiasmanti. Di fatto dei frammenti di pavimento o di parete, ceneri di materiali bruciati altrove (tanto da indurre il sospetto che possa trattarsi di una antichissima fossa per la discarica), e ancora e soprattutto un vaso deposto intenzionalmente tra due corna lavorate di un cervo che doveva essere di notevoli proporzioni. Insomma, ce n’è e ne avanza) da decidere che gli scavi debbano necessariamente proseguire, anche se ora bisogna trovare dei fondi per tradurre in pratica ogni intendimento (saranno necessari oltre diecimila euro, come minimo e non è poi molto). Tanto più che i fratelli Previatello proprietari del terreno hanno dimostrato la massima disponibilità.

Lo scavo, che oltre all’archeologo De Micheli, ha visto la partecipazione di due studentesse (Letizia Bellesia e Fabiola Mischiatti) e la collaborazione del personale del Museo dei Grandi Fiumi, ha potuto giovarsi della supervisione scientifica di un grande esperto come Luigi salzani della Soprintendenza archeologica. Nel corso della presentazione alla stampa di questi primi e notevoli risultati, l’assessore alla cultura Frigato si è impegnato a portare in Regione la richiesta di un intervento e di un finanziamento per proseguire la campagna di scavo, ma anche a stabilire un rapporto più stretto con l’università rodigina, magari insistendo perché si apra una nuova facoltà dedicata, appunto, all’archeologia.

di SERGIO GARBATO

fonte: http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/rovigo/2008/10/23/127570-reperti_preistorici_campestrin.shtml

ottobre 25, 2008 Posted by | - Italia, Archeology / Archeologia, Lang. - Italiano | , , , , , , | Lascia un commento

2008-10-12 – Savona: ripresi gli scavi presso la “Caverna delle Arene Candide di Finale”

Finale: ripresi gli scavi alle Arene Candide

Sono ripresi dopo oltre sessanta anni gli scavi archeologici presso la Caverna delle Arene Candide di Finale, uno dei piu’ rilevanti siti archeologici preistorici dell’area mediterranea. Gli scavi sono una delle azioni previste dal Programma Integrato di Conoscenza e Fruizione ”La Caverna delle Arene Candide”, condotto dalla Direzione Regionale del Ministero per i beni e le attivita’ culturali. Essi si avvalgono della collaborazione scientifica di diverse Universita’ italiane e straniere. L’equipe di archeologi e antropologi e’ riuscita a rintracciare i limiti degli scavi condotti piu’ di sessanta anni fa da Luigi Bernabo’ Brea e Luigi Cardini, che portarono alla scoperta della famosa sepoltura del ”Giovane Principe”. Questo lavoro ha permesso di individuare diversi livelli riferibili a due differenti momenti del Paleolitico, il Gravettiano e
l’Epigravettiano, tra 30.000 e 10000 anni fa. Nei vari strati di terreno sono stati rinvenuti numerosi attrezzi in pietra, la maggior parte dei quali sono stati fabbricati con materie prime di alta qualita’ provenienti da aree anche molto lontane (Marche, Francia). E’ stata inoltre prelevata una serie di campioni di legno bruciato di pino silvestre (l’albero dominante nel paesaggio dell’era glaciale) e di sedimenti. Di particolare interesse, infine, e’ la scoperta di un dente umano.
Venerdì 10 Ottobre 2008 ore 15:48

ottobre 12, 2008 Posted by | - Italia, - Primati, 1 Olocene b, Archeology / Archeologia, Lang. - Italiano, P - Paleoantropologia, Paleontology / Paleontologia | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

2008-10-10 – Bologna: anche la Paleontologia tra gli appuntamenti per “La scienza in piazza”

‘LA SCIENZA IN PIAZZA’: A BOLOGNA AL VIA LA MANIFESTAZIONE

(Agi) – Bologna, 9 ott. – Torna per il quarto anno consecutivo ‘La scienza in piazza’, la manifestazione ideata dalla Fondazione Marino Golinelli, che si svolge nel territorio della provincia di Bologna dal 9 al 26 ottobre. Sono nove quest’anno i comuni coinvolti – Casalecchio di Reno, Sasso Marconi, San Giorgio di Piano, San Lazzaro di Savena, Castel San Pietro Terme, Medicina, Budrio, San Giovanni in Persiceto, Sala Bolognese – ai quali si aggiunge la citta’ di Bologna, dove l’iniziativa si concludera’ con un grande evento in piazza Maggiore e in altri suggestivi luoghi del centro storico. Sulla scia del successo delle edizioni precedenti, vengono riproposti i contenuti classici della kermesse emiliana: laboratori interattivi, animazioni, exhibit, mostre, un planetario itinerante e attivita’ di biologia, chimica, fisica, matematica.

Non mancano le novita’, una ricca programmazione di attività per bambini da 0 a 6 anni, ‘Nido di scienza’, un’esposizione sulla matematica e mostre multivisioni. La scienza in piazza prende l’avvio a Casalecchio di Reno, con proposte di vario tipo: si va dalla scienza in cucina che rivela segreti scientifici per piatti di successo al laboratorio di introduzione alla genetica e alle biotecnologie, da attivita’ interattive sulla radioastronomia a incontri con il mondo della ricerca chimica e fisica.

A Sasso Marconi, grazie alla collaborazione con la fondazione Guglielmo Marconi, e’ possibile prendere parte a giochi sulla storia delle comunicazioni senza filo ed esplorare il patrimonio di attrezzature ideate e utilizzate dal giovane Marconi.

Tra gli appuntamenti di San Giorgio di Piano, due mostre: una sull’ambiente e sulle buone pratiche quotidiane per riflettere sui nostri stili di vita, e l’altra per entrare in contatto con la matematica della natura.

Di cambiamenti passati e futuri del nostro Pianeta si parla invece in una mostra multimediale allestita a San Lazzaro di Savena, dove si possono sperimentare, inoltre, le procedure adottate dai ricercatori per lo studi! o della genetica delle popolazioni. Archeolab, un laboratorio sui metodi della scienza e le applicazioni tecniche nell’archeologia e paleontologia e’ una delle opportunita’ offerte da Castel San Pietro Terme.

Interessante anche l’occasione fornita dal comune di Medicina, che apre le porte della Stazione dei radiotelescopi che qui ha sede, consentendo al pubblico di conoscere la radioastronomia attraverso attivita’ hands-on e visite guidate al moderno Science center.
 

Per concludere, una passeggiata, in compagnia dei ricercatori, alla possente ‘Croce del Nord’, una composizione di parabole che coprono un’area di 30 mila metri quadri capace di produrre mappature di vaste aree del cielo da cui ricavare cataloghi fondamentali per le ricerche astronomiche, e alla moderna parabola di 32 metri usata per studi ambientali. Di robot si parla a Budrio, dove esperti della Scuola di Robotica di Genova, fondata da Gianmarco Veruggio dell’Istituto di elettronica e di ingegneria dell’informazione e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Genova, tentano di dare una risposta agli interrogativi posti dall’invasione dei robot nella nostra vita. ‘EmozionArti di scienza’ e’ il titolo della mostra-laboratorio visitabile a San Giovanni in Persiceto, in cui alcune opere d’arte affiancano due laboratori, uno di indagine sulla materia l’altro di biologia, dando vita a un’installazione collettiva.
 

A Sala Bolognese, infine, ad attendere grandi e piccoli c’e’ l’Eco museo dell’acqua, un luogo fantastico in cui si parla di acqua a 360 gradi, del suo potenziale energetico, dei suoi effetti sugli ecosistemi, di storia idrogeologica, di tecnologia idraulica, di bonifica, di ecologia e agricoltura, del rapporto vitale dei popoli con fiumi, canali, piogge. Molti anche gli eventi collaterali, fra cui due convegni: ‘Tunguska 1908’ organizzato nei giorni 23 e 24 ottobre dall’Osserrvatorio astronomico dell’Universita’ di Bologna e dal Cnr

fonte: http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/200810092011-eco-rt11250-art.html

ottobre 10, 2008 Posted by | - Italia, Archeology / Archeologia, Astronomy/ Astronomia, Mostre & Fiere, Paleontology / Paleontologia | , , , , , , | Lascia un commento