Paleonews

Il blog dedicato ai Paleontologi !!!!

2009-05-27 – Peru`: scoperto bradipo fossile (fossil Sloth)

Five-million-year old sloth fossil found in Peru

click here for video

LIMA (Reuters) – The nearly intact fossil of an ancient sloth that lived 5 million years ago has been unearthed in Peru, a find about 4 million years older than similar ones discovered in the Americas, researchers said.

The sloth was found beneath the cement floor of a house in the Andean region of Espinar in southern Peru when workers were installing a water system. Parts of a giant armadillo that has also been dated to 5 million years ago were also found nearby.

The sloth, about 10 feet long, was an herbivore and lived during the Mio-Pliocene era, said paleontologist Rodolfo Salas of Peru’s Natural History Museum and one of the scientists on the dig sponsored by the French government.

“This skeleton of the sloth is especially important as it is the first complete skeleton of its kind that is 5 million years old in the Americas,” he told Reuters. “Previously, discoveries have been made of partial skeletons of similar animals, but from the Pleistocene era, meaning from the last million years.”

The sloth was found at 13,000 feet above sea level.

Salas said the sloth was relatively small compared with other animals of its type and would help researchers better understand evolution of mammals in the Andes.

Peru’s dry climate has helped preserve thousands of fossils from the Pacific coast to the Andes highlands, making it a favorite of fossil hunters.

(Reporting by Carlos Valdez; Writing by Terry Wade; Editing by Peter Cooney)

source: http://www.reuters.com/article/scienceNews/idUSTRE54P0H520090526

Annunci

maggio 27, 2009 Posted by | - Mammiferi, America Southern, An. Vertebrates, Cenozoic, Multimedia, P - Geositi, P - Paleoantropologia, P - Ritrovamenti fossili, Paleontology / Paleontologia, Video | , , , , | Lascia un commento

2009-05-22 – Peru: Dinosaur show

Dinosaur fossils may be exhibited in northern Peru
 

  • Paleontological species to be exhibited in Trujillo.
  • Trujillo, May 20 (ANDINA).- The remains of four dinosaurs recently found in the northern Peruvian region of La Libertad may be exhibited in the First Paleontological Museum to be built in Trujillo, said the project’s promoter Klaus Honninger Mitrani, who noted that they are already coordinating with Peru’s National Institute of Culture (INC).The fossils include a glyptodont (similar to the armadillo), a megaterio (similar to the sloth bear) and a third unidentified species (with horse shape), located in San Pedro de Lloc, province of Pacasmayo.

    He said they have also found a mastodonthat in Cascas, Gran Chimu province; that is why local authorities have started the paperwork with INC in order to preserve it.

    “I believe in the next 12 months the first paleontological museum of Peru, which will be built in Trujillo, will exhibit these 4 large dinosaurs,” he told Andina.

    “The coastal area of La Libertad is very interesting because we can find a varied fauna which dates back to the ice age. That is why we found several fossilized species, but they can not be rescued without INC authorization,” he said.

    He pointed out that they signed an agreement with Universidad de Piura, which includes the donation of a paleontology laboratory to study all remains found in La Libertad and Piura.

    (END) OPC/VVS/DCR

  • source: http://www.andina.com.pe/Ingles/Noticia.aspx?id=DC4sL7YTaMU=

maggio 22, 2009 Posted by | Mostre & Fiere, Paleontology / Paleontologia, Places | , , , , | Lascia un commento

2009-03-01 – Perù: fossile di uccello gigante (Giant fossil bird)

Perù: paleontologia, trovato fossile uccello di 10mln di anni

Sabato 28 febbraio 2009 02.25
Il fossile di un gigantesco uccello vissuto circa 10 milioni di anni fa è stato ritrovato nella regione di Ocucaje, nel Perù meridionale. Mario Urbina, paleontologo nel Museo nazionale di storia naturale, ha detto che il volatile sembra appartenere ai pelagornitidi, una specie comparsa circa 50 milioni di anni fa e estinta 2,5 milioni di anni fa a causa dei cambiamenti climatici. Questo tipo di uccello aveva un’apertura alare di oltre sei metri, nidificava in prossimità delle coste e si cibava dei pesci che riusciva a catturare tuffandosi nel Pacifico. Nel corso di scavi in corso nella regione, alcuni ricercatori hanno ritrovato la testa fossile dell’uccello, lunga circa 40 centimetri. Oltre alla considerevole apertura alare, una delle caratteristiche più curiose di questa specie è la presenza di denti all’estremità del becco.
———————————————————-

Fossil skull of giant toothy seabird found in Peru

LIMA, Peru (AP) — The unusually intact fossilized skull of a giant, bony-toothed seabird that lived up to 10 million years ago was found on Peru’s arid southern coast, researchers said Friday.

The fossil is the best-preserved cranium ever found of a pelagornithid, a family of large seabirds believed to have gone extinct some 3 million years ago, said Rodolfo Salas, head of vertebrate paleontology at Peru’s National History Museum.

The museum said in a statement that the birds had wingspans of up to 20 feet (6 meters) and may have used the toothlike projections on their beaks to prey on slippery fish and squid. But studying members of the Pelagornithidae family has been difficult because their extremely thin bones — while helpful for keeping the avian giants aloft — tended not to survive as fossils.

“Its fossils are very strange, very rare and very hard to find,” Salas told The Associated Press.

The cranium discovered in Peru is 16 inches (40 centimeters) long and is believed to be 8 million to 10 million years old, based on the age of the rock bed in which it was found.

“Rarely are any bones of these gigantic, marine birds found fossilized uncrushed, and to find an uncrushed skull of this size is very significant,” said Ken Campbell, curator of vertebrate zoology at the Natural History Museum of Los Angeles.

Campbell, who examined photos of the find but was not involved in the dig, said he knows of “no specimen of comparable quality.”

Dan Kepska, a paleontology researcher at North Carolina State University who also was not part of the project, agreed that the skull is the most complete ever reported.

He called the birds “one of the great enigmas of avian paleontology.”

With fossils discovered in North America, North Africa and even Antarctica, Kepska said, the birds were ubiquitous only a few million years before humans evolved and scientists puzzle over why they died out. Some believe they are related to gannets and pelicans, while other say they are related to ducks.

Campbell said the Peru find “will undoubtedly be of great importance to our understanding of these gigantic birds, and it will help clarify the relationships of the other fossil pelagornithids found in the Pisco Formation.”

The formation, a coastal rock bed south of the capital, Lima, is known for yielding fossils of whales, dolphins, turtles and other marine life dating as far back as 14 million years.

source: AssociatedPress

———————————————————-

Fossil skull of giant toothy seabird found in Peru

The Associated Press – ‎28-feb-2009‎
The fossil is the best-preserved cranium ever found of a pelagornithid, a family of large seabirds believed to have gone extinct some 3 million years ago,
CBC.ca

 

 

marzo 1, 2009 Posted by | - Uccelli / Birds, America Southern, An. Vertebrates, Cenozoic, Lang. - Italiano, P - Ritrovamenti fossili, Paleontology / Paleontologia | , , , , , | 2 commenti

2009-02-12 – Perù: Impronte di Dinosauri (Dinosaur footprints, Dinosaurier)

Dinosaur footprints, fossils found in central Peru

Lima, February 10, 2009
Hundreds of footprints and the fossilised remains of various prehistoric animals, probably dinosaurs that lived 120 million years ago, have been discovered in the Ancash region of central Peru.

The find came when the Antamina mining company, which is owned by BHP Billiton and Xstrata, among other partners, was building a road from its camp at Yanacancha to the Conococha crossroads, in Huari province, some 400 km northeast of Lima.

The company confirmed that a preliminary examination of the site, which is 4,600 metres above sea level, revealed more than 100 footprints made by at least 12 different types of ancient animals, including marine species, demonstrating that in the distant past the site lay at the bottom of an ancient ocean.

According to calculations by the paleontologists in charge of these finds, the site could date back to the Early Cretaceous Period about 120 million years ago.

Some of the fossils discovered there, the daily El Comercio reported, are from large marine reptiles known as sauropterygians, complete skeletons of which were found.

Other fish-like reptiles called ichthyosaurs were also found there, along with extinct species of crocodiles, flying reptiles called pterosaurs, tortoises and fish, not to mention very well-preserved specimens of assorted invertebrates.

The paleontological work in the area dates back to 2006, when construction on the road began and exposed potentially fossil-bearing layers of sediment, according to an analysis conducted by the Ornithology and Biodiversity Centre, known as Corbi.

The excavations performed to date at the site, which is called Cruz Punta, at Kilometer 80 of the highway, revealed a rocky wall-like formation several dozen metres in length on which there were clear indications of fossilised animal tracks, according to the Corbi study.

source: hindustantimes

————————————————————————————————-

The footprints of a prehistoric animal are clear to see in a rock layer in Peru

The footprints of a prehistoric animal are clear to see in a rock layer in Peru

from: metro.co.uk

————————————————————————————————-


20minuten

Dinosaurier auf 4600 Metern gefunden
20minuten – 15 ore fa
Dabei stiessen die Strassenbauer auf über hundert fossile Abdrücke und Knochen von Dinosaurier-Arten, die vor etwa 120 Millionen Jahren gelebt haben. Bei den Funden konnten zwölf verschiedene Arten unterschieden werden, darunter fleischfressende

febbraio 12, 2009 Posted by | - Plesiosauri, - Pterosauri, - R. Dinosauri, - Rettili, 1 Cretaceo, America Central, An. Vertebrates, Lang. - German, Mesozoic, P - Impronte, P - Ritrovamenti fossili, Paleontology / Paleontologia | , , , , , | 2 commenti

2008-10-17 – Voyager: la storia delle pietre di Ica 2 (Ica stones)

Visto il successo del precedente post (192 visite) vale la pena di approfondire un pò l’argomento.

Un intervento su Wikipedia (link) riassume bene il servizio andato in onda anche se per fortuna contrariamente a quanto riportato si andati ben lontani dal definire le pietre “originali” rimanendo molto più sul vago (per alcune sarebbe stata provato che le inisioni siano state fatte 90:000 anni fa, altre più recenti, altre ancora attuali).

Detto ciò vanno fatte alcune considerazioni:

a) In una precedente puntata andata in onda credo prima dell’Estate il servizio delle pietra di Ica terminava con le parole del conduttore che annunciava che gli abitanti del luogo avevano confessato ma dopo che loro avevano già completato il servizio che quindi avevano deciso di mandare in onda ugualmenete, e che quindi tutta la storia era una burla.

b) tutta la storia è decisamente un falso non solo perchè alcuni abitanti del luogo hanno confessato di averle fatte, ma anche perchè si è voluto mantenere il mistero su luogo del ritrovamento: qualsiasi idiota avesse la fortuna di fare una scoperta così senzazionale non avrebbe alcun interesse a nascondere informazioni che potrebbero avvalorarne l’impotanza: gli introiti tra vendite di oggetti, premi statali, interviste e turismo sarebbero un più che valido sprone a cerare di fare quanta più chiarezza possibile.

c) si sostiene poi che le popolazioni locali non si siano mai arrichite, sarà vero ma non ne hanno mai avuto nessun bisogno nel senso che probabilmente non hanno mai avuto alcuna intezione di comprare ul monitor LCD o di fare una crociera, basta sopravivere; inoltre non è detto che sia una messa in scena “sociale”, potrebbe essere semplicemente opera di un ristretto gruppo di persone. E infine voi quanto paghereste per un oggetto che a voler essere buoni e falso al 99.999 % ????????

d) incongruenze paleontologiche: un gap di 60 milioni di anni è decisamente troppo sia per ipotizzare uomini viventi 60 milioni di anni fa, sia per ipotizzare popolazioni di dinosauri vissute fino a 90.000 anni fa (la data più antica a cui sono state fatte risalire le incisioni). Quantomeno opinabili le dichiarazioni di uno scienziato ameriano intervistato durante la trasmissone “ci sono numerose prove in tutto il mondo della coesistenza di uomini e dinoauri” si limita a pochi esempi tra cui un ricamo con degli animali molto più simili a un lupo che all’Allosauro di cui parla, e un incisione con una lucertola anch’essa spacciata per dinosauro (semplicemente ridicolo !!!!). Inoltre i dinosauri a voler guardare bene sono tutt’altro che ben fatti: sauropodi con placche ossee da Stegosauro o ancora dinosauri con “strutture circolari” sugli arti, dimostrano più il tentativo di un grossolana imitazione che una dettaglita ricostruzione: insomma non sono stati bravi nemmeno a copiare.

e) altre incongruenze: se anche uomini antichi avessero visto dei dinosauri !!!!!! ma cos potevano mai saperne di microscopi, cannocchiali e altre invenzioni tecnologiche: non sono stati nemmeno furbi a limitare la loro fantasia.

f) infine come ripotato sempre su Wikipedia anche le conlusioni del Cicap sconfessano l’originalità delle opere: I ricercatori del CICAP argomentano che in 40 anni ci sono 14.600 giorni, e che più di un campesino ha ammesso di averne fabbricate, ponendole poi in un gallinaio per dargli una patina d’antichità. Inoltre, sempre secondo il CICAP, la qualità e lo stile delle incisioni cambiano col tempo dei ritrovamenti. Ossia i dinosauri del 1966 sono fatti più approssimativamente di quelli recenti, e lo stesso fa il metodo di incisione: migliora col tempo dei ritrovamenti. Entrambi questi fatti sarebbero incompatibili col ritrovamento casuale di pezzi appartenenti ad un unico periodo storico.

Infine un piccolo appello: anche a me piace la trasmissione Voyager e la seguo sempre (anche se a volte le ipotesi mostrate sono quanto di più assurdo mai si possa pensare apparendo pertanto davvero ridicole) però trovo molto più bello e affascinante seguire programmi in cui si annunciano vere scoperte e dove gli interessi giornalistici non spingono a ipotizzare assurdità. Insomma continuate a vedere Voyager con mente aperta a tutto ma anche con occhio critico, ma io vi consiglio di guardare anche i programmi di Piero e Alberto Angela, di Mario Tozzi, Geo & Geo e il Tg Leonardo.

precedente link: 2008-10-15 – In onda su Voyager la storia delle pietre di Ica (Ica stones)

in english:

a) http://en.wikipedia.org/wiki/Ica_stones

b) http://skepdic.com/icastones.html

————————————————————————————-

Essendo stata attivata da poco la funzionalità dei sondaggi facciamo una prova, cosa ne pensate di tutto ciò:

(se volete spiegate il vostro voto tramite un commento /

If you want explain your vote using a comment)

ottobre 17, 2008 Posted by | Cryptozoology / Cryptozoologia, Curiosità, Lang. - Italiano, Sondaggio / Pool, TV | , , , , , , , , , , , | 6 commenti

2008-10-15 – In onda su Voyager la storia delle pietre di Ica (Ica stones)

Questa sera in onda su rai due  una nuova puntata di Voyager nella quale viene presentao il caso delle “pietre di Ica” sulle quali sono rappresentate tra l’altro scene di caccia con uomini e dinosauri.

Ritenuta in passato (da pseudo-scienziati, creazionisti, cryptozoology e co.) una delle prove della coesistenza di uomini e dinosauri si è poi rivelata una clamorosa beffa …… (non vi anticipo la fine della storia !)

vedi aggiornamento e vota : 2008-10-17 – Voyager: la storia delle pietre di Ica 2 (Ica stones)

———————————————————

Ica, le pietre impossibili

In onda mercoledì 15 ottobre 2008 alle 21.00
Roberto Giacobbo torna in Perù, e più precisamente a Ica  –  200 km a sud della capitale Lima -, per raccontare una storia al limite dell’incredibile: è possibile che esistano pietre molto antiche, particolarmente dure, con raffigurazioni che non dovrebbero esistere? Chi avrebbe scolpito, alcune migliaia di anni fa ed in maniera praticamente perfetta, scene di caccia con uomini e dinosauri insieme? Ma anche incisioni di mappe geografiche, costellazioni, strumenti ottici, trapianti di organi e macchine volanti? Un caso straordinario che ha visto coinvolte anche le maggiori università americane ed europee: saranno mostrati i risultati delle loro analisi…

Ma non è tutto: Voyager torna in Gran Bretagna per affrontare le ultime novità sui Cerchi nel Grano. Cosa hanno in comune i Crop Circle e le profezie Maya? Forse un salto evolutivo, come quello profetizzato dal popolo precolombiano nel 2012, e oggi evidenziato dalla comparsa nei campi di grano di figure e simboli Maya. E’ la fine di un’Era?

Infine sono presentate le testimonianze di uomini e donne che sostengono di essere stati rapiti dagli alieni e che presentano le prove di tale sequestro. Racconti al limite della conoscenza: a cosa si dovrebbe credere?

fonte: http://www.voyager.rai.it/category/0,1067207,239-1080327,00.html

ottobre 15, 2008 Posted by | - R. Dinosauri, Cryptozoology / Cryptozoologia, Curiosità, Italiano (riassunto), Lang. - Italiano, TV | , , , , , , , , , | 2 commenti